I NOSTRI COMUNICATI AGRICOLTURA, NELLA TUSCIA CERTIFICAZIONE PER LA FILIERA DELLA NOCCIOLA. E’ IL PRIMO CASO IN ITALIA

Scorri verso il basso e leggi l'intero articolo

Il riconoscimento ottenuto dalla Viconuts di Ronciglione per i requisiti di sostenibilità e qualità ambientale

La società Viconuts di Ronciglione (Vt), industria di lavorazione delle nocciole di cui Cpn (Cooperativa Produttori Nocciole) è uno dei soci fondatori, ha ottenuto dalla società Dnv Gl, leader internazionale del settore, la certificazione della filiera della nocciola 100% italiana secondo gli standard della norma europea Iso 22005/2008. La Viconuts ha sviluppato un progetto per dare vita ad un accordo tra produttori ed industria finalizzato a incrementare prima di tutto la sostenibilità ambientale della produzione di nocciole.  È il primo progetto di questo tipo in Italia ad ottenere il riconoscimento dall’importante organismo di certificazione.

Con l’accordo di filiera, di cui Viconuts è capofila e Cpn partecipante con i propri soci, vengono stabiliti standard di sicurezza e qualità rigidi ed elevati per garantire al consumatore una nocciola rigorosamente italiana di alta qualità. Il disciplinare adottato verificato e certificato coinvolge tutto il processo dalla coltivazione alla raccolta, stoccaggio sgusciatura e lavorazione, crea una sinergia perfetta tra agricoltori ed industria. Va ad implementare, in modo ancor più stringente, il protocollo dell’Unione europea elaborato dalla Regione Lazio in materia di produzione integrata della nocciola.

Il progetto favorisce buone pratiche in grado di rispondere a esigenze molto sentite da tutta la società, quali la gestione del suolo, il risparmio di acqua e la riduzione dei fitofarmaci. Le nocciole coltivate dai soci della Cpn che partecipano al progetto e lavorate dalla Viconuts vanno a soddisfare tutte le esigenze dell’industria alimentare attraverso la varietà di prodotti quali nocciole sgusciate, crema di nocciole, granella di nocciole, nocciole caramellate e altri.

Cpn punta ad allargare la base di soci partecipanti alla filiera ed è ferma intenzione della stessa considerare questo solo un primo importantissimo passo visto che come ulteriore obiettivo si è posta quello di riuscire a sviluppare, in sinergia con tutto il mondo della ricerca una produzione ancora più rispettosa dell’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *